Night & Blues: ringraziamenti

Categories: Eventi collaterali,Importanti

Venerdì notte, alla ore 03.00, si sono spente definitivamente le luci (e la musica) di Night & Blues 2012.
I tavoli, le sedie, le panche, i famosi lumini e le colonne che sempre accompagnano i contradaioli gialloverdi nell’allestimento della manifestazione, sono tornati nel chiostro di Santa Maria della Consolazione. I contradaioli, invece, non ci sono tornati, ma la speranza è che entro un mese possa realizzarsi anche questo sogno.

L’undicesima edizione di N&B sarà sempre ricordata come l’edizione dell’emergenza. Non vi nascondiamo che quando il Comune di Ferrara, nelle persone degli Assessori Maisto e Modonesi, e con loro i dirigenti dell’ER.GO, capitanati dalla Dottoressa Mondin, hanno raggiunto l’accordo di indicarci la location del chiostro di Santo Spirito, ci sono tramate le gambe. In quel chiostro molti di noi ci sono cresciuti (si parla degli anni ’70), ci scappavamo a giocare all’insaputa dei nostri genitori, perché era un luogo “pericoloso”. Poi la chiusura, il restauro che lo ha fatto diventare un tempio della musica. Erano i tempi di Abbado.

Il Rione Santo Spirito, nel frattempo, ha cominciato la propria avventura nel chiostro del Lazzareto, come veniva chiamato allora (si parla dei primi anni 2000).
Anni e anni per ridare visibilità ad uno dei luoghi più suggestivi di Ferrara, grazie anche al N&B che lo ha reso uno dei luoghi più “musicali” della città. Questo fino al 20 maggio 2012, quando il terremoto ha colpito profondamente i nostri cari monumenti. Ora, dopo queste bellissime, indimenticabili, magiche serata di N&B 2012, siamo molto felici del risultato, ma sentiamo anche dentro di noi sorgere una domanda: quale sarà la locatione di N&B 2013? Abbiamo 12 mesi per decidere…

Gabriele Mantovani
Vice Presidente del Rione S. Spirito